Folklore

Leonzio De Vitis
Messaggio del 03-05-2008 alle ore 17:35:14
Cadillac testo

La canto ai vagabondi
e a chi viene da lontano
lei aveva occhi azzurri
e le croste sulle braccia
ma lui non le vide bene
tagliò corto e si fermò
lei non disse dove andava
salutò e salì su
sulla CadillacAhi questa qua
non so proprio dove va
s'è appoggiata allo sportello
addormentata sul più bello
ma in fondo a chi conviene
caricarla non sta bene
lei sta bene come sta
su questa Cadillaclui guardava alla sua strada
al fantasma che ha lasciato
lei cercava il suo passato
e s'è svegliata tutta a un tratto
dice che ha smesso con la roba
è diventata quasi a modo
e a Rimini si sale
su una CadillacE il mare è una coperta
per chi avrà una morte certa
è una stuoia di velluto
per ogni sogno che è caduto
ma non è lui che vorrebbe avere
e non è lei quella a cui pensa
e i ricordi stan parlando
su una CadillacAhi questa qua
non so proprio dove va
s'è appoggiata allo sportello
addormentata sul più bello
ma in fondo a chi conviene
caricarla non sta bene
lei sta bene come sta
su questa CadillacQuando aveva tredici anni
capelli biondi e gonnellina
e un ragazzo che l'amava
col brutto affare che rubava
lo pescarono di sera
lo portarono in galera
fu duramente interrogato
e se lo ritrovò ammazzatoe da allora poverina
alcol, roba e cocaina
il bambino non l'ha avuto
assieme al cuore che ha perduto,
che ho perso pure io
abbandonato e disperato
e ci ritroviamo qua
su questa Cadillacalla prossima stazione
scenderà la sua illusione
ucciso il suo amore dai gendarmi
e l'altra colpa è non amarmi
non resta che farci molti auguri
e avere tempi meno duri
lei scende e se ne va
lei scende e se ne va
lei scende e se ne va
dalla Cadillac
Messaggio del 03-05-2008 alle ore 17:32:52
La metrica si sposerebbe bene con qualcosa tipo:

Cadillac di Vinicio Capossela

Potresti provare
Messaggio del 10-04-2008 alle ore 22:10:14
bella


picchè lu sole sai, nzi more poi la notte,
arisorge la matine sopra a li sugne rotte...


Messaggio del 09-04-2008 alle ore 16:46:50
clp...
Messaggio del 09-04-2008 alle ore 16:46:49
cazz è fregn addavere
brave clp,ogni tanto la cocce da lu cazz te pass ngape
Messaggio del 08-04-2008 alle ore 22:57:56
bella minghiata
Messaggio del 07-04-2008 alle ore 12:37:53
Volevo metterla su musica, ma la musica per questo testo non ancora mi si crea...si parla di un brigante "sui generis", nato e morto a Sant'Eusanio, una storia particolare...e siccome mi piace condividere le minchiate che faccio, ditemi che ne pensate...

DE VITIS

Venè da Sante Sagne De Vitis Capomasse,
ddo l'ombre de lu monne s'allonghe vasse vasse,
ddo la gente di cantine vò vedè l'esecuzione
di nu diavule o nu sante baste ch'ariesce bbone.
E siccome le battaje nze perde se nzi si cumbatte,
fu ccise a la piazze a agoste gne na gatte,
a nu jorne de lu sanghe de lu '808
tra lu sone de la bande, mbriache di ddubbotte.

Ci sta chi preghe Criste, lu silenzie de la croce,
e chi parle a lu sole, nghi lu sone de la voce,
picchè lu sole sai, nzi more poi la notte,
arisorge la matine sopra a li sugne rotte...

Bhè, st'ommene de carne, d'acciaje succumbette,
a la corde che l'ha mbese, a lu file de l'accette,
e si 'ngi acride mò, je te mbenne seriamente,
sta storie chi tu sinde, ha successe veramente..
Tra le carte dell’ARCHIVIE sepolte tra parole,
lu scribane de la "Storia" l'ha tirate fore,
n'ommene ch'ha scete com'è che dà murì,
pe quesse forse tu, tu m'da sta a sindì,

che pure se è nu fatte de tante tempe fa,
è cose che succede, che se pò verificà,
pure a te che nin li vide, o che mò ngi ti pinzà,
ma tu pu finì male se pinze e vu parlà!

Leonzio De Vitis ni ere nu brigante,
ere n'ommene borghese, di quille che s'avante,
ere une che tenè - n'attività a lu centre,
ma je brucè la vite, e lu sanghe pi ddaventre.
"Guerre a la France" e "Vive la monarchie"
finchè li francise nin li cerchettere pi la vije,
E quande lu diavule je dette poi la mane,
la gente pi li case e parleve piane piane...
ci steve na fame, nere ch'abbrucè lu core
e nu piante di citile e di sanghe l'addore...
...ma se parlè soltante di Leonzio e de la cosche,
ch' avè riccummannate l'aneme a lu bosche....

"Je me so rrizzate nghi la guerra a le porte...
e ocche me se pije pure Dje nghi la morte,
che nin tenghe paure e che nen so nu sante...
da ogge chiameteme "Leonzio lu brigante!"

Ma lu buje cagne facce a la terre nghi le stelle,
e na farfalle dure poche, pi quante fusse belle,
...catene a le mane,trascinate gne nu schiave
finite la canzone, cumenzeve le mazzate...
Vecchie speranze de core de lampe,
ci sta na vecchia nere, in mezze a lu campe,
nghi na facje ate, affilate gne na scure,
a te nt'imbaurisce, quesse è poche, ma sicure...

Li Francise cunuscè na freche di maniere
pe avè informaziune sulle bande straniere...
ma Leonzio nin parlè, nonostante li prumesse,
se tenè le cose dentre, nghi la facce gne lu gesse.

"Ci sta na ricumpense pe certe 'nfamità
te fa sindì nzuzzite, nt'arijisce cchiù a guardà!"
Sceje ì com'eja murì, come "il brigante muore",
pe mane di cultelle, di scure o di pistole,
Vostro Onore di la legge, sbrighete a 'ffellà stu corpe,
ca sta lenghe parle sole di donne, vine e porce...
e ricurdete lu sguarde fiere di sta facce,
nè da sopre, nè da sotte...je te guarde 'mbacce!"

La vite, genta me, è cose che succede,
ma è l'uteme che cagne tutte, e nin li pu prevede...
...la cocce steve esposte a la piazze di paese...
...l'aneme però..quelle se l'avè riprese...
picchè a chill'atre monne 'ngi sta sole lu buje,
se a stu monne tu si mare, sci ma senza scuje...

Nuova reply all'argomento:

Leonzio De Vitis

Login



Registrati
Mi so scurdate la password

1997-2222 - BestBuying SRL - All Rights Reserved