Questo sito utilizza i cookie. Continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. Ok Acconsento Maggiori Info
Lanciano.it: il portale della città di Lanciano
vai alla homepage

Utenti online: [ 11 ]Login | Registrati |   
Città | Miracolo Eucaristico  
Google

 
Il Miracolo Eucaristico
Epigrafe
Ad Perpetuam Rei Memoriam
Forma rotonda dell'ostia grande
Documentazione carente
Falsificazione
Datazione
Luogo e primi custodi
Progetto geniale
Chiesa di S. Legonziano e i Bizantini
S. Giovanni in Venere e i Benedettini a S. Legonziano
Chiesa di S. Legonziano e arciprete di Lanciano
Luoghi e attuali custodi
Introduzione
Accoglienza benevola
Incomprensioni
Questione delicata
Luoghi di custodia delle Reliquie Eucaristiche
Depositari delle chiavi
Parrocchia e chiesa di S. Legonziano
Estromissione forzosa
Dati informativi e culto
Situazione documentaria
Silenzio eloquente
Dati informativi
Notizie d'Archivi
Culto delle Reliquie Eucaristiche
Fede e sentimenti
Affettività e razionalità
Parole di circostanza
La fede dei Vescovi
Invocazioni e affidamento dei pastori
Bontà d'animo dei maestri della fede
La fede dei sacerdoti
Le invocazioni dei religiosi
Pellegrinaggi di fede e di amore
Fede e riconoscenza dei fedeli
Commozione: sentimento predominante
Memori per sempre
C'era gran folla...
Ricerche scientifiche
Cronaca della prima fase
Gioioso annunzio
Analisi di laboratorio
Seconda ricognizione sulla Carne del 1981
Conclusioni scientifiche
ricerche istologiche, immunologiche e biochimiche
Premessa
Introduzione
Metodi di indagine
Protocolli dei reperti
Considerazioni conclusive
Riassunto
Bibliografia
Home Miracolo Eucaristico Il Miracolo Eucaristico Epigrafe

Epigrafe 

 

Fatti pochi passi su Corso Roma, lo sguardo è piacevolmente attirato a sinistra dalla facciata del Santuario Eucaristico: "una muraglia rettangolare di pietra concia della massima austerità francescana" (1).

Appena entrati in Chiesa, l'occhio va a posarsi sul bianco altare marmoreo, che custodisce le Reliquie del Miracolo Eucaristico. Avanzando, però, l'attenzione è richiamata da una lapide, collocata sulla parete alla destra di chi entra, a fianco di quella che era la cappella Valsecca. Vi è inciso: "Circa gli anni del Signore settecento in questa Chiesa allora sotto il titolo di San Loguntiano de' monaci di San Basilio dubitò un monaco sacerdote se nell'Hostia consacrata fosse veramente il Corpo di N.S. e nel Vino il Sangue. Celebrò Messa, e dette le parole della Consacrazione, vidde fatta Carne l'Hostia e Sangue il Vino. Fu mostrata ogni cosa a circostanti et indi a tutto il popolo. La Carne è ancora intera e il Sangue diviso in cinque parti disuguali, che tanto pesano tutte unite quanto ciascuna separata si vede hoggidì nello stesso modo in questa Cappella fatta da Gio. Francesco Valsecca a sue proprie spese l'anno del Signore MDCXXXVI".Per sapere qualcosa di più esteso, si può leggere un altro scritto del 1631, sostanzialmente identico, esposto alla Mostra Storica del Miracolo nei locali del Santuario e riportato qui testualmente.

(1) L.G.GAVINI, STORIA DELL’ARCHITETTURA IN ABRUZZO, I, Bestetti e Tumminelli, Milano - Roma, s.a., p. 419.



1997-2018 RealNetwork s.n.c. P.IVA 01885210698 - All Rights Reserved
Lanciano.it - Corso Roma, 63 66034 Lanciano (Ch) contatti
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Lanciano n. 160 del 31.03.2005
Direttore responsabile: Andrea Rapino
Powered by Navis PMS