Questo sito utilizza i cookie. Continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. Ok Acconsento Maggiori Info
Lanciano.it: il portale della città di Lanciano
vai alla homepage

Utenti online: [ 9 ]Login | Registrati |   
Città | Miracolo Eucaristico  
Google

 
Storia
Introduzione
Le origini di Lanciano
Alto Medioevo
Il 400 a Lanciano
Regno d'Italia 1860-1895
Tradizioni
Sant'Egidio
Le Fiere
Mastrogiurato
Il Dono
Apertura
Feste di Settembre
Corse al Galoppo
La Squilla
Eventi
Estate Musicale Frentana
Corsi Musicali
Le fiere
Filanxanum
Quartieri
Sacca
Lancianovecchia
Borgo
Civitanova
Zone importanti
Piazza Plebiscito
Edifici
Ponte Diocleziano
Mura Aragonesi e Borgo
Le Torri Montanare
Teatro Fenaroli
Palazzo Comunale
Botteghe medioevali
Torre di San Giovanni
Torre Civica
Fonte del Borgo
Fonte di Civitanova
Monumenti
Monumento ai Caduti
Fedele Fenaroli
Martiri VI Ottobre
Chiese
Cattedrale
Sant'Agostino
San Bartolomeo
San Biagio
San Francesco
Santa Lucia
Santa Maria Maggiore
Purgatorio
Sant'Antonio
San Pietro
Santa Chiara
Sant'Egidio
San Nicola
Santa Giovina
Santa Giusta
Santa Rita
San Donato
Santa Maria degli Angeli
Santa Maria dei Mesi
Home La città di Lanciano Chiese Santa Maria dei Mesi

Santa Maria dei Mesi 

Nel 1881 la contrada si chiamava "S. Maria in Visis". Nel 1477 il nome della cattedrale era invece "S. Maria in Miscia"ed era soggetta alla parrocchia di S. Giovanni di Lancianovecchia. Nel 1585 il papa Gregorio XIII concede, nell’ultimo venerdì di marzo, dai primi vespri fino alla sera di quel giorno, l’indulgenza plenaria per un decennio a chi, confessato e comunicato, visita la chiesa di "S. Maria in Visius". Iin data 6 maggio 1646 ci fu la visita pastorale da parte di Lorenzo Mangiò che ordinò di rinnovare la statua della Madonna, sotto pena dell’interdizione, e di riparare l’altare della Madonna di Loreto (3). Il 31 ottobre 1671, il canonico Filippo Berenga, vicario generale, per mancanza dell’arcivescovo, visita la chiesa e rileva che la chiesa era curata dai procuratori della confraternita di S. Maria della Pietà e Concezione (in S. Maria Maggiore) nei venerdì di marzo, di sante messe, processione dei confratelli ed elemosine (4). Il 30 marzo 1676, l’arcivescovo Francesco Antonio Carafa, visita l’edificio chiesastico rilevando che esso è curato dai confratelli dell’Arciconfraternita della Concezione di S. Maria Magqiore e che l’altare di S. Maria di Loreto nel lato sinistro era stato riparato (5). La tradizione vuole che nel 1836, nella chiesetta di S. Maria dei Mesi si verificò un prodigioso miracolo: la Vergine santa, desiderando di avere una lampada sempre accesa accresceva l’olio man mano che si consumava, e la lampada non si spegneva, a testimonianza di ciò si trova un ex voto a stampa (6). Il febbraio 1922 dall’atto notarile di Federico Carabba, risulta che la chiesa di S. Maria dei Mesi insieme all’altra chiesa di S. Maria in Castello, detta "Madonna della Luce" sono di proprietà dell’Arciconfraternita della SS. Pietà e Concezione da tempo immemorabile (7). Le due chiesette oggigiorno ricadono nel territorio della parrocchia di S. Maria Maggiore. In S. Maria dei Mesi la festa si celebra la prima domenica di luglio. La frazione di Torremarino ha la chiesa della Madonna della Luce. Un anno si festeggia S. Maria dei Mesi e un anno l’altra. Un dipinto su legno Quattrocentesco raffigurante la Vergine con il Bambino che regge il cartiglio con la scritta "Ego sum lux mundi" e una colomba da cui l’ipotesi che questa tela fosse stata qui trasferita dalla chiesa distrutta di S. Spirito, nel 1765.

1 L. De Cecco, Storia di Lanciano, parte I monografie. p. 53.
2 M. Scioli, il libro di memorie di L. A. Antinori nella biblioteca diocesana di Lanciano (secoli XI-XVIII, L’Aquila 1995, p. 109.
3 JIbldem, p. 109.
4 Ibidem,p.327.
5 Ibidem. p. 470.
6 Ibidem,p.692.
7 Ibidem. p. 692.
8 E. Giancristofaro "Folklore religioso e tradizioni devozionali" in "Lanciano città d’arte e mercanti", Carsa edizioni, Pescara 1995, pp. 156- 165.



1997-2018 RealNetwork s.n.c. P.IVA 01885210698 - All Rights Reserved
Lanciano.it - Corso Roma, 63 66034 Lanciano (Ch) contatti
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Lanciano n. 160 del 31.03.2005
Direttore responsabile: Andrea Rapino
Powered by Navis PMS