Questo sito utilizza i cookie. Continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. Ok Acconsento Maggiori Info
Lanciano.it: il portale della città di Lanciano
vai alla homepage

Utenti online: [ 19 ]Login | Registrati |   
Città | Miracolo Eucaristico  
Google

 
Storia
Introduzione
Le origini di Lanciano
Alto Medioevo
Il 400 a Lanciano
Regno d'Italia 1860-1895
Tradizioni
Sant'Egidio
Le Fiere
Mastrogiurato
Il Dono
Apertura
Feste di Settembre
Corse al Galoppo
La Squilla
Eventi
Estate Musicale Frentana
Corsi Musicali
Le fiere
Filanxanum
Quartieri
Sacca
Lancianovecchia
Borgo
Civitanova
Zone importanti
Piazza Plebiscito
Edifici
Ponte Diocleziano
Mura Aragonesi e Borgo
Le Torri Montanare
Teatro Fenaroli
Palazzo Comunale
Botteghe medioevali
Torre di San Giovanni
Torre Civica
Fonte del Borgo
Fonte di Civitanova
Monumenti
Monumento ai Caduti
Fedele Fenaroli
Martiri VI Ottobre
Chiese
Cattedrale
Sant'Agostino
San Bartolomeo
San Biagio
San Francesco
Santa Lucia
Santa Maria Maggiore
Purgatorio
Sant'Antonio
San Pietro
Santa Chiara
Sant'Egidio
San Nicola
Santa Giovina
Santa Giusta
Santa Rita
San Donato
Santa Maria degli Angeli
Santa Maria dei Mesi
Home La città di Lanciano Chiese San Donato

San Donato 


A sinistra, in una nicchia dell'altare, si trova la statua di S. Donato, questa è in legno e risale al XVIII secolo. II santo ha nella mano sinistra un libro con sopra una luna a forma di falce.  Festeggiato il 7 agosto, vescovo di Arezzo, martirizzato con la decapitazione sotto Giullano l'Apostata, intorno al 362 d.C.. Nel medioevo il culto di San Donato si diffonde in tutta Italia e quindi anche in Abruzzo. Anticamente il giorno di S. Donato si recavano nella chiesa diverse persone colpite dall'epilessia e a questi si copriva il capo e vi si leggeva un brano del vangelo. Era una benedizione che è andata scomparendo. Egli sarebbe divenuto protettore degli epilettici per il fatto che in una delle leggende del martirologio, subisce la decapitazione, quindi S. Donato avendo perso la testa diventa protettore di tutti quelli che hanno malattie a carattere nervose e quindi patrono dei malati di mente o anche del mal lunatico.
La statua collocata di fronte a S. Donato è quella di S. Michele Arcangelo, ugualmente in legno, marcata, del XVIII secolo, eseguita da un certo Nicola da Guardiagrele. C'era devozione nei confronti di questo santo perché il luogo era abitato da contadini, i quali si recavano in Puglia per la mietitura per cui si raccomandavano a questa divinità affinché il raccolto fosse proficuo.
Altre statue sono presenti senza nessun valore artistico e storico, esse sono: la Madonna di gesso già menzionata, un Gesù di carta pesta. All'ingresso a sinistra vi è un reliquiario con ossa di santi e con una decorazione dorata che incornicia il tutto, esso proviene dalla donazione di un prete mantovano all'attuale parroco.

1 AA. W.. S. Donato. in BlbIioteca Sanctorum. Città Nuova editrice. Roma 1978, p. 774.




1997-2018 RealNetwork s.n.c. P.IVA 01885210698 - All Rights Reserved
Lanciano.it - Corso Roma, 63 66034 Lanciano (Ch) contatti
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Lanciano n. 160 del 31.03.2005
Direttore responsabile: Andrea Rapino
Powered by Navis PMS