Questo sito utilizza i cookie. Continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. Ok Acconsento Maggiori Info
Lanciano.it: il portale della città di Lanciano
vai alla homepage

Utenti online: [ 11 ]Login | Registrati |   
Città | Miracolo Eucaristico  
Google

 
Storia
Introduzione
Le origini di Lanciano
Alto Medioevo
Il 400 a Lanciano
Regno d'Italia 1860-1895
Tradizioni
Sant'Egidio
Le Fiere
Mastrogiurato
Il Dono
Apertura
Feste di Settembre
Corse al Galoppo
La Squilla
Eventi
Estate Musicale Frentana
Corsi Musicali
Le fiere
Filanxanum
Quartieri
Sacca
Lancianovecchia
Borgo
Civitanova
Zone importanti
Piazza Plebiscito
Edifici
Ponte Diocleziano
Mura Aragonesi e Borgo
Le Torri Montanare
Teatro Fenaroli
Palazzo Comunale
Botteghe medioevali
Torre di San Giovanni
Torre Civica
Fonte del Borgo
Fonte di Civitanova
Monumenti
Monumento ai Caduti
Fedele Fenaroli
Martiri VI Ottobre
Chiese
Cattedrale
Sant'Agostino
San Bartolomeo
San Biagio
San Francesco
Santa Lucia
Santa Maria Maggiore
Purgatorio
Sant'Antonio
San Pietro
Santa Chiara
Sant'Egidio
San Nicola
Santa Giovina
Santa Giusta
Santa Rita
San Donato
Santa Maria degli Angeli
Santa Maria dei Mesi
Home La città di Lanciano Chiese Sant'Egidio

Sant'Egidio 

Nell’esterno del prato comunale detto "La Selva" sotto le mura occidentali della città, dette "Le ripe di Civitanova", sorgeva la piccola e modestissima chiesa di S.Egidio, di proprietà del capitolo metropolitano che era solito officiarvi nella novena e nella festa del santo, che ricorreva e si festeggia tutt’oggi l’ 1 settembre (1). Essa è costruita sui ruderi di uno dei locali dove, in epoca pagana, le pitonesse davano il responso di Apollo. La fiera intitolata al santo voleva essere un adattamento cristiano di una delle antichissime nundine pagane. Come il Re della Gallia, che dall’eremo del santo creato abate, così la popolazione anxanense volle nella selva di Apollo onorare il santo e per cancellare il ricordo pagano eresse la piccola chiesa. Attualmente la chiesetta rurale è ancora ubicata nella contrada omonima, essa presenta una statua seduta in pietra del Cinquecento, motivo per cui non esiste un rituale processionale. La festa si celebra il primo settembre, ma tradizione vuole che la sera del 31 agosto vi sia la fiera del giocattolo lungo il Trento e Trieste del centro cittadino. Una volta fiera artigianale, poiché gli artigiani di Lanciano, soprattutto vasai vendevano in questa ricorrenza manufatti di argilla e campanelle di terracotta a ricordo di quelle che tenevano i lebbrosi (il cui protettore era S. Egidio) per annunciare il loro arrivo. Il culto di S. Egidio, abate benedettino vissuto tra il VI e il VII secolo, protettore dei lebbrosi, storpi e malati intermittenti, è assai diffuso in Abruzzo per la presenza di numerosi centri benedettini nel medioevo (2).

1 L. De Cecco, Storia di Lanciano, ms. conservato presso la Biblioteca Comunale di Lanciano, p. 52.
2 AA. VV. S. Egidio, in Biblioteca Sanctorum, Città Nuova editrice, Roma 1978. p. 958.



1997-2017 RealNetwork s.n.c. P.IVA 01885210698 - All Rights Reserved
Lanciano.it - Corso Roma, 63 66034 Lanciano (Ch) contatti
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Lanciano n. 160 del 31.03.2005
Direttore responsabile: Andrea Rapino
Powered by Navis PMS