Questo sito utilizza i cookie. Continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. Ok Acconsento Maggiori Info
Lanciano.it: il portale della città di Lanciano
vai alla homepage

Utenti online: [ 16 ]Login | Registrati |   
Città | Miracolo Eucaristico  
Google

 
Storia
Introduzione
Le origini di Lanciano
Alto Medioevo
Il 400 a Lanciano
Regno d'Italia 1860-1895
Tradizioni
Sant'Egidio
Le Fiere
Mastrogiurato
Il Dono
Apertura
Feste di Settembre
Corse al Galoppo
La Squilla
Eventi
Estate Musicale Frentana
Corsi Musicali
Le fiere
Filanxanum
Quartieri
Sacca
Lancianovecchia
Borgo
Civitanova
Zone importanti
Piazza Plebiscito
Edifici
Ponte Diocleziano
Mura Aragonesi e Borgo
Le Torri Montanare
Teatro Fenaroli
Palazzo Comunale
Botteghe medioevali
Torre di San Giovanni
Torre Civica
Fonte del Borgo
Fonte di Civitanova
Monumenti
Monumento ai Caduti
Fedele Fenaroli
Martiri VI Ottobre
Chiese
Cattedrale
Sant'Agostino
San Bartolomeo
San Biagio
San Francesco
Santa Lucia
Santa Maria Maggiore
Purgatorio
Sant'Antonio
San Pietro
Santa Chiara
Sant'Egidio
San Nicola
Santa Giovina
Santa Giusta
Santa Rita
San Donato
Santa Maria degli Angeli
Santa Maria dei Mesi
Home La città di Lanciano Monumenti Fedele Fenaroli

Fedele Fenaroli 

La famiglia Fenaroli fra le più illustri della nostra città, originaria della città di Bergamo, si trapiantò in Lanciano nella prima metà del secolo XVI. In Lanciano, nel quartiere Borgo, il 25 aprile 1730 nacque Fedele Fenaroli. Il padre, discreto cultore di musica e direttore della cappella musicale della chiesa di Santa Maria Del Ponte  gli insegnò, per diletto le prime nozioni della sua arte, anche se il padre desiderava di farne un avvocato. In tenera età Fedele rimase orfano di padre ed i parenti, assecondandone le inclinazioni,  lo affidarono allo zio Dottor Nicolantonio Perrini a Napoli, il quale lo fece ammettere al conservatorio musicale di S. M. di Loreto. Quando vi giunse il Fenaroli, nel conservatorio insegnava Francesco Durante il quale addestrava i suoi allievi alla speditezza del comporre, obbligandoli a musicare e rifare il componimento fino a venti trenta volte.

A 22 anni il Fenaroli aveva completato gli studi musicali con immenso profitto, facendo presagire di se brillante avvenire. Tuttavia nel 1755, venuto a morire il suo maestro Durante, il grande dolore lo spinse a raddoppiare l'impegno nello studio, allo scopo di succedergli nell'insegnamento. Ed infatti a soli 25 anni divenne maestro di contrappunto e composizione nello stesso collegio dove era stato educato. Negli anni dell'insegnamento scrisse un'opera, detta di partimenti, divisa in sei libri: il primo comprende le scale e le cadenze seguite dalle lezioni dei numeri semplici secondo le scale in tutti i toni. Il secondo gli esemplari delle dissonanze con rudimenti anche numerati. Il terzo le regole dei movimenti per basso, con la conclusione degli esempi. Il quarto le regole nei partimenti senza numero, ed infine il quinto e il sesto racchiudono fughe naturali e cromatiche di canoni e di bassi imitati. Questa opera classica riscosse molto successo sia in Italia che all'estero e venne adottata in tutti i conservatori musicali attribuendole utilità.

Ancora giovane tentò il teatro lirico, e musicò alcuni melodrammi per i teatri di Napoli, Palermo e Roma con esito felice. Ma ben presto abbandonata la musica teatrale, si diede a quella chiesastica. Musicò molti melodrammi sacri, che in Napoli, in Lanciano ed in altre città venivano rappresentati in occasione di festività religiose. Insegnò in altri istituti, varie città desideravano possederlo, tra cui Roma, dove fu invitato a dirigere la Cappella Giulia in San Pietro. Ma egli rifiutò per non abbandonare Napoli e i sui alunni. Nel 1806, l'arcivescovo di Taranto con una relazione, esponeva al Re Giuseppe Buonaparte la decadenza dei conservatori napoletani a causa della mala amministrazione e dell'abbandono della disciplina e della morale, proponendo come unico rimedio la fusione in uno solo e di affidarne la direzione alle tre celebrità musicali del tempo residenti a Napoli: Fedele Fenaroli, Giovanni Paisiello e Giacomo Tritta. Il collegio prese il titolo di Regio Collegio di musica S. Sebastiano. Fedele Fenaroli morì a ottantotto anni il primo gennaio 1818 nello stesso collegio e fu sepolto nella chiesa dell' Ecce Homo. Lanciano, sua patria, sempre ha conservato memoria del suo illustre cittadino. Da esso prende nome il Teatro Comunale, una banda musicale e la via ove esiste la casa dei suoi antenati ed in cui nacque.



1997-2017 RealNetwork s.n.c. P.IVA 01885210698 - All Rights Reserved
Lanciano.it - Corso Roma, 63 66034 Lanciano (Ch) contatti
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Lanciano n. 160 del 31.03.2005
Direttore responsabile: Andrea Rapino
Powered by Navis PMS