Questo sito utilizza i cookie. Continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. Ok Acconsento Maggiori Info
Lanciano.it: il portale della città di Lanciano
vai alla homepage

Utenti online: [ 9 ]Login | Registrati |   
Città | Miracolo Eucaristico  
Google

 

Dadaaz
dadaaz
Registrato il 13/02/2006
ore 16:50:10
La casa me
  • La Homepagina
  • La bacheca
  • Gli articoli
  • Le foto
  • Contatti
  • ICQ:
  • Città: lanciano




  • Una menzogna perché abbia effetto, ha bisogno essenzialmente solo di due cose: chi mente e chi ci crede. 

    Se l’uomo distoglierà dall’aldilà le sue speranze e concentrerà sulla vita terrena tutte le forze rese così disponibili, riuscirà probabilmente a rendere la vita sopportabile per tutti e la civiltà non più oppressiva per alcuni. 

    È possibile imparare ad amare solo amando.

    Osservate con quanta previdenza la natura, madre del genere umano, ebbe cura di spargere ovunque un pizzico di follia. Infuse nell’uomo più passione che ragione perché fosse tutto meno triste, difficile, brutto, insipido, fastidioso. Se i mortali si guardassero da qualsiasi rapporto con la saggezza, la vecchiaia neppure ci sarebbe.
    Se solo fossero più fatui, allegri e dissennati godrebbero felici di un’eterna giovinezza.
    La vita umana non è altro che un gioco della Follia.

    Il vero viaggio di scoperta non consiste nel trovare nuove terre,
    ma nell’avere nuovi occhi. 

    fortunati coloro che si assorbono quasi per egoismo nell’avvenire e vivono per sé e di ciò che li circonda, e non si curvano su se stessi a perscrutarsi nelle sfumature dei sentimenti e nella contemplazione del passato

    Esiste qualcosa di più grande e più puro
    rispetto a ciò che la bocca pronuncia.
    Il silenzio illumina l’anima,
    sussurra ai cuori e li unisce.
    Il silenzio ci porta lontano da noi stessi,
    ci fa veleggiare
    nel firmamento dello spirito,
    ci avvicina la cielo;
    ci fa sentire che il corpo
    è nulla più che una prigione,
    e questo mondo è un luogo d’esilio.

    L’arte di scriver storie sta nel saper tirar fuori
    da quel nulla che si è capito della vita, tutto il resto;
    ma finita la pagina si riprende la vita
    e ci s’accorge che quel che si sapeva è proprio un nulla.

    Ogni essere umano, nel corso della propria esistenza,
    può adottare due atteggiamenti: costruire o piantare.
    I costruttori possono passare anni impegnati nel loro compito,
    ma presto o tardi concludono quello che stavano facendo.
    Allora si fermano, e restano lì, limitati dalle loro stesse pareti.
    Quando la costruzione è finita, la vita perde di significato.
    Quelli che piantano soffrono con le tempeste e le stagioni, raramente riposano.
    Ma, al contrario di un edificio, il giardino non cessa mai di crescere.
    Esso richiede l’attenzione del giardiniere, ma, nello stesso tempo,
    gli permette di vivere come in una grande avventura.

    Non sono le persone che incarnano il nostro ideale quelle che vanno bene per noi, ma quelle che suscitano irragionevolmente amore e quell’amore ricambiano.

    La ragione umana viene afflitta da domande che non può respingere, perché le sono assegnate dalla natura della ragione stessa, e a cui però non può neanche dare risposta, perché esse superano ogni capacità della ragione umana.
    Nel concepire un ideale possiamo presumere quel che vogliamo, ma dovremmo evitare le impossibilità.

    Ogni via è soltanto una via. Non è un affronto a voi stessi o ad altri abbandonarla, se è questo che vi suggerisce il cuore. Ma la decisione di continuare quella strada, o di lasciarla, non deve essere provocata dalla paura o dall’ambizione. Osservate ogni strada attentamente e con calma. Provate a percorrerla tutte le volte che lo ritenete necessario. Poi rivolgete una domanda a voi stessi, e soltanto a voi stessi:
    Questa strada ha un cuore?


     


    1997-2019 RealNetwork s.n.c. P.IVA 01885210698 - All Rights Reserved
    Lanciano.it - Corso Roma, 63 66034 Lanciano (Ch) contatti
    Testata giornalistica registrata al Tribunale di Lanciano n. 160 del 31.03.2005
    Direttore responsabile: Andrea Rapino
    Powered by Navis PMS