Questo sito utilizza i cookie. Continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. Ok Acconsento Maggiori Info
Lanciano.it: il portale della città di Lanciano
vai alla homepage

Utenti online: [ 13 ]Login | Registrati |   
Città | Miracolo Eucaristico  
Google

 
Il Miracolo Eucaristico
Epigrafe
Ad Perpetuam Rei Memoriam
Forma rotonda dell'ostia grande
Documentazione carente
Falsificazione
Datazione
Luogo e primi custodi
Progetto geniale
Chiesa di S. Legonziano e i Bizantini
S. Giovanni in Venere e i Benedettini a S. Legonziano
Chiesa di S. Legonziano e arciprete di Lanciano
Luoghi e attuali custodi
Introduzione
Accoglienza benevola
Incomprensioni
Questione delicata
Luoghi di custodia delle Reliquie Eucaristiche
Depositari delle chiavi
Parrocchia e chiesa di S. Legonziano
Estromissione forzosa
Dati informativi e culto
Situazione documentaria
Silenzio eloquente
Dati informativi
Notizie d'Archivi
Culto delle Reliquie Eucaristiche
Fede e sentimenti
Affettività e razionalità
Parole di circostanza
La fede dei Vescovi
Invocazioni e affidamento dei pastori
Bontà d'animo dei maestri della fede
La fede dei sacerdoti
Le invocazioni dei religiosi
Pellegrinaggi di fede e di amore
Fede e riconoscenza dei fedeli
Commozione: sentimento predominante
Memori per sempre
C'era gran folla...
Ricerche scientifiche
Cronaca della prima fase
Gioioso annunzio
Analisi di laboratorio
Seconda ricognizione sulla Carne del 1981
Conclusioni scientifiche
ricerche istologiche, immunologiche e biochimiche
Premessa
Introduzione
Metodi di indagine
Protocolli dei reperti
Considerazioni conclusive
Riassunto
Bibliografia
Home Miracolo Eucaristico Luoghi e attuali custodi Luoghi di custodia delle Reliquie Eucaristiche

Luoghi di custodia delle Reliquie Eucaristiche 

Terminata la chiesa di S. Francesco nel 1258, le Reliquie del Miracolo Eucaristico vennero traslate nell’apposita cappella oscura, al lato destro dell’altare maggiore, contigua alla Sacrestia (19), di cui ora resta inconfondibile solo una slanciata monofora, ben protetta dal solido campanile. Tre secoli dopo, così se ne descriveva la custodia: "Un bellissimo Tabernacolo d’Avorio, che forse in quei tempi questo dente era stimato più di ogni altro metallo, in cui si è conservata una tanta Reliquia, quasi sino ai giorni nostri; indi in un bellissimo vaso d’argento, quasi in calice, finalmente in un ricchissimo cristallo di Rocca dove al presente si conserva".(20) Volutamente la cappella, per maggior sicurezza, non faceva parte della navata della chiesa di S. Francesco, anche se vi comunicava per mezzo di una porticina.

Questa, poi, nel sec. XVI, per timore di una possibile profanazione da parte dei Turchi, che, non solo scorrazzavano per le coste dell’Adriatico, ma si erano inoltrati ripetute volte all’interno della Regione, fu murata. Ciò avvenne ai primi di agosto 1566, dopo avervi ricollocato le Reliquie del Miracolo Eucaristico, poiché l’inutile tentativo di P. Giovanni Antonio di Mastro Renzo di metterle al sicuro altrove, fu interpretato quale manifesto segno della divina protezione su Lanciano.(21) Arrestato finalmente il pericolo turco con la vittoria di Lepanto (1571), i frati, finanziati dal benefattore Giovanni Francesco Valsecca, poterono preparare un altro luogo più centrale ed onorifico nella chiesa di S. Francesco, dove collocare le Reliquie del Miracolo Eucaristico. Premessa la ricognizione delle Medesime, fatta dal vicario generale di Lanciano, Esse vennero riposte nella nuova cappella Valsecca (1636) e tenute sotto quattro chiavi, nell’ingegnoso modo ancora visibile: dietro il quadro riproducente il Prodigio, vi sono due ante di legno chiuse a chiave, poi vi è la grata cubica contenente le Reliquie, chiusa con altre due chiavi differenti, come fosse una cassaforte sistemata nel muro perimetrale della chiesa.

(19) G.SANNA SOLARO, LA CONVERSIONE MIRACOLOSA IN CARNE, cit., pp. 30-31.

(20) G. DE MARCHYS, PER LE SANTE RELIQUIE DEL CORPO E SANGUE DI N.S. G.C. -1631- MS. Archivio Convento di S. Francesco di Lanciano, p. 3.

(21) L.A. ANTINORI, ANTICHITË STORICO-CRITICHE, SACRE E PROFANE, cit., pp. 349-350.




1997-2018 RealNetwork s.n.c. P.IVA 01885210698 - All Rights Reserved
Lanciano.it - Corso Roma, 63 66034 Lanciano (Ch) contatti
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Lanciano n. 160 del 31.03.2005
Direttore responsabile: Andrea Rapino
Powered by Navis PMS